........attendi qualche secondo.

#adessonews ultime notizie, foto, video e approfondimenti su:

cronaca, politica, economia, regioni, mondo, sport, calcio, cultura e tecnologia.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

 

Vanguard lifestrategy vol VI – Pagina 58 #adessonews


Citazione Originariamente Scritto da R.carter Visualizza Messaggio

Dedalo, io per motivi lavorativi, posso dedicare solo 100 euro mensili al pac sul ls 80, che vorrei fare almeno ventennale. Ora con la mia banca pago 6,5 ad eseguito, e quindi per risparmiarli volevo fare 300 euro ogni trimestre. Ora le tue analisi mi hanno messo un dubbio. Anche con 6,5 euro può essere conveniente fare acquisti mensili da 100 euro e sfruttare l’interesse composto, anche se minimo ogni mese invece che ogni trimestre? Grazie

Allo scopo di evitare equivoci, premetto che tra pagare 1,5 euro di commissioni fisse e pagarne 6,5 è meglio la prima opzione. Si risparmiano diversi euro in 20 anni, è ovvio (5 x 12 x 20 = 1.200 euro).

Detto questo, anche pagare 6,5 euro a rata non è un’eresia come sembrerebbe. Per capire perché, però, non basta fare due calcoli a mente dal momento che il nostro cervello ci trasmette un solo messaggio: il 6,5% di commissioni è fuori dal mondo, è sbagliato, è assurdo. In breve, non va fatto o l’investimento genererà una perdita, inequivocabilmente.

Il nostro cervello – come Tversky e Kahneman hanno dimostrato – tante volte ci inganna. Fare un PAC pagando 1,5 euro a rata è meglio di farlo pagandone 6,5. Ma fare un PAC pagando 6,5 euro a rata è molto meglio che non fare un PAC, finanziariamente parlando.

Nonostante che tutti (o quasi) sostengano il contrario, con un orizzonte temporale di 20 anni l’interesse composto farà il suo lavoro egregiamente anche con commissioni di 6,5 euro a rata in un PAC da 100 euro al mese: in linea con i backtest sull’ETF SWDA che avevo postato diversi post fa, vediamo i risultati dei PAC (rolling) sull’ETF SWDA pagando 1,5 euro a rata (rata di 100 euro):

Vanguard lifestrategy vol VI-pac_1_5.png

Evidenziati nei rettangoli blu, possiamo trovare il rendimento medio e medio annualizzato per durata dei PAC (da 2 a 10 anni), la somma finale generata, le commissioni pagate e la somma netta al termine dei PAC. Sono risultati medi di tutti i PAC backtestati in base alla durata.

Se avessimo versato 6,5 euro di commissioni fisse per rata? Questi sono i risultati:

Vanguard lifestrategy vol VI-pac_6_5.png

Il rendimento medio dei PAC di 2 anni è sceso parecchio in termini percentuali! Dall’10,91% siamo scesi al 5,71%! Un’enormità, no?

No, sono 120 euro in meno, quelli che abbiamo pagato di commissioni fisse in più (5 x 24 rate). La somma netta alla fine del PAC di 2 anni prima era pari a 2.666 euro e ora è scesa a 2.546 euro. Abbiamo versato soltanto per 2 anni (2.400 euro = 100 x 24 rate) ed è logico che quei 120 euro pesino, percentualmente. Ma sono sempre “solo” 120 euro.

E’ assurdo averli pagati? Boh, questo dipende da ognuno di noi: alcuni, per risparmiarli, avrebbero aperto un altro conto in un’altra banca di volata; a qualcun altro non passerebbe per l’anticamera del cervello di farlo per risparmiare “soltanto” questa cifra.

Ma chi ha posto la domanda non vuole fare un PAC di 2 anni, vuole farlo di 20 anni. Più il PAC è lungo, minore è l’impatto delle commissioni fisse delle rate, perché è nel lungo termine che si dà tempo alla capitalizzazione composta di fare il suo lavoro.

Ora, backtest di 20 anni sullo SWDA non si possono ancora fare, ma di 10 anni sì. Quali sono le differenze nei risultati dei backtest a 10 anni (sotto la colonna dei 120 mesi)?

Il rendimento medio scende, stavolta, dall’81,43% al 72,91%. In euro, la somma netta alla fine del PAC scende da 21.918 euro a 21.318 euro (ovviamente sono 600 euro in meno, quelli dei 5 euro pagati in più per 120 mesi).

E’ stata un’assurdità fare un PAC di 10 anni pagando 6,5 euro a rata? A me sembra proprio di no: in 10 anni, ho versato 12.000 euro e ne ho ottenuti 21.318, un gran bel risultato. Il 10,63% di rendimento annualizzato lo dimostra.

Si poteva fare meglio? Sì, si potevano intanto risparmiare 600 euro in 10 anni pagando 1,5 euro con Directa ma, di nuovo, le valutazioni sono soggettive. Se pagando 6,5 euro, ad esempio, il versamento fosse automatizzato mentre con 1,5 euro non lo fosse, potrebbe già essere un valido motivo per non utilizzare Directa (non lo so se è il caso; di certo altri servizi come Fineco Replay automatizzano pagando “solo” 2,95 euro a rata, meno della metà dei 6,5 euro utilizzati in questo backtest). Oppure, per qualcuno la noia di chiudere a aprire un conto o aprirne un secondo “vale” di più di 600 euro in 10 anni.

Per finire, qualche precisazione:

– In questi backtest le cose per l’investitore sarebbero andate bene, anzi benissimo: lo SWDA nasce nel 2009 e dal 2009 ad oggi i mercati azionari sono saliti moltissimo, salvo brevi periodi di crisi. I prossimi 10 o 20 anni come saranno? Nessuno lo sa, e se le cose dovessero andare male è ovvio che quei 600 euro pagati in più avrebbero un peso psicologico maggiore.
Lo SWDA, inoltre, non è LS80: quest’ultimo sarà meno volatile ma avrà anche un rendimento atteso inferiore, quindi quei 600 euro in più in 10 anni o 1.200 in più in 20 anni potrebbero avere un peso un po’ diverso rispetto allo SWDA.

– Da 1,5 euro di commissione fissa a rata (scenario migliore o tra i migliori nel panorama italiano) e 6,5 a rata (scenario molto peggiore, dato che come commissioni fisse in Italia si trova di meglio o molto meglio) c’è un gap enorme. Pagare meno a parità di servizio ricevuto è ovviamente meglio, ma ho approfittato di questa domanda per far vedere che le differenze non sono poi così esagerate come si crede. Non è che un investimento dal rendimento ampiamente positivo si trasformerebbe in uno negativo a causa dei 5 euro in più versati ogni mese. In certi casi uno leggermente positivo potrebbe diventare leggermente negativo, ma il gap in euro è sempre il solito.
Inoltre, quanti di noi non hanno (almeno qualche volta) voglia di andare a fare la spesa al centro commerciale o al discount un po’ lontano da casa, anche se sappiamo che ci farebbe risparmiare diversi euro al mese (probabilmente ben più di 5)? Quante volte paghiamo al ristorante 25 euro per una bottiglia di vino che sappiamo che al supermercato costa 10 euro?
La nostra percezione della spesa di 5 euro in un mese cambia enormemente a seconda del contesto, e in certi casi è “cosa vuoi che siano 5 euro”, in altri “5 euro in più sono una follia”; ma sempre 5 euro sono.

– Versare una rata trimestrale da 300 euro invece che 3 mensili da 100 è, molto probabilmente, un’opzione valida perché ci permette di ottenere qualche euro in più alla fine del PAC. Attenzione però: aumentare la periodicità della rata a quadrimestrale, semestrale o addirittura annuale può diventare, invece, peggio che non fare i versamenti ogni mese. E’ vero che si risparmiano diversi euro in commissioni fisse ma, mediamente, l’investimento viene posticipato nel tempo e questo abbassa il rendimento perché si toglie un po’ di forza alla capitalizzazione composta (ipotizzando scenari di crescita dei mercati nel lungo termine).

Source

“https://www.finanzaonline.com/forum/etf-fondi-e-gestioni-e-investment-certificates/1992118-vanguard-lifestrategy-vol-vi-58.html?s=8b1aacebcbc89a0dd3b2f99521811105”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐
Clicca qui

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

 
Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione richiesta.
Riceverai in tempi celeri una risposta.